La storia dello stemma di Milano

Michele Larotonda ha pubblicato sul sito Internet Milano Città Stato un succinto riepilogo della storia dello stemma civico di Milano e della sua evoluzione storica, che egli fa partire dal 1395, epoca a cui risalirebbero le prime testimonianze storiche, e al gonfalone-arazzo del 1565, che in qualche modo ne codificherebbe le caratteristiche attuali.

Una ricostruzione molto divulgativa, con qualche incoerenza, che si discosta in più punti da quanto sostenuto dagli studi comunemente accettati.

Per leggere l’articolo di Larotonda


Scheda di approfondimento
CORONE CIVICHE

Lo Stato Italiano disciplina rigorosamente le corone degli enti territoriali utilizzate negli stemmi, in particolare:

Corona Comune

I Comuni devono utilizzare una corona formata da un cerchio aperto da quattro pusterle (tre visibili), con due cordonate a muro sui margini, sostenente una cinta, aperta da sedici porte (nove visibili), ciascuna sormontata da una merlatura a coda di rondine, il tutto d’argento e murato di nero.

Corona di città

I Comuni insigniti del titolo di città utilizzano una corona turrita, formata da un cerchio d’oro aperto da otto pusterle (cinque visibili) con due cordonate a muro sui margini, sostenente otto torri (cinque visibili), riunite da cortine di muro, il tutto d’oro e murato di nero.
.

Articoli correlati: Il biscione nella capitale insubre

Gonfalone
L’antico gonfalone-arazzo di Milano realizzato nel 1565
22 Ottobre 2021
Raffaele Coppola

Cerca nel sito

Questo servizio è offerto dal Centro Studi Araldici.
Questo servizio è offerto dal Centro Studi Araldici.
Come funziona la ricerca?

Siti Collegati

  • Banner del sito di Stemmario Italiano.
  • Banner del sito del Centro Studi Araldici.
  • Banner del sito del Araldica On Line.
  • Banner del sito Creare Stemmi
  • Banner del sito Araldica TV