No all’uso commerciale di bandiere e insegne statali

Asbjørn Svarstad, giornalista norvegese di stanza in Germania, in occasione del 200° anniversario della bandiera di Norvegia (per approfondire si veda – testo in norvegese – “200 anni di bandiera“), ha rilanciato un dibattito che raccoglie un certo seguito nel paese scandinavo, relativo all’uso commerciale non autorizzato delle insegne di stato, della bandiera in particolare, ma anche dello stemma.

Il web – ha scritto Svarstad – è attualmente inondato di magliette, abiti da sci, giacche e altri capi di moda che hanno la bandiera norvegese o l’arma nazionale chiaramente visibile“. Un problema che si accentua soprattutto quando tale uso finisce con lo svilire il valore morale di tali insegne, utilizzando il vessillo nazionale ad esempio su scarpe o abbigliamento intimo.

Bandiera norvegese
Foto Ranveig: Sfilata degli scout con la bandiera della Norvegia in occasione di una festa nazionale nel 2005

In Norvegia, come nella maggior parte delle nazioni, l’uso delle insegne di Stato dovrebbe essere soggetto ad esplicita autorizzazione, e anche a specifica tassazione, ma spesso tale disposizione viene aggirata poichè l’utilizzo in questione avviene al di fuori dei confini nazionali, come ad esempio – cita il giornalista norvegese – accade con un’azienda italiana di abbigliamento, che praticamente ha fatto della bandiera norvegese il proprio logo.

La questione pare stia facendosi strada nell’opinione pubblica, tanto che un avvocato locale, Terje Bratberg, si è autoproclamato “Commissario di polizia dell’Araldica” nazionale, ed ha annunciato l’intenzione di sporgere una serie di denunce contro le aziende che abusano della bandiera e del leone nazionale.

Stemma Norvegia
Disegno di Damian Szczepaniak: Lo stemma di Stato della Norvegia (Di rosso al leone coronato d’oro, impugnante con le zampe anteriori un’ascia d’argento, manicata del secondo – Blasonatura Centro Studi Araldici)

A riguardo viene citato un precedente molto interessante contro un’azienda tedesca, che faceva un uso commerciale improprio dei nomi di alcune città norvegesi, un uso che non si è riusciti ad impedire sul piano giuridico, ma che è comunque cessato per i numerosi e ripetuti fastidi legali e commerciali che le sono stati arrecati.

Per leggere l’articolo (in norvegese) di Asbjørn Svarstad

Articoli correlati: Pescara affianca un logo al proprio stemma

Evoluzione bandiera norvegese
Grafica Centro Studi Araldici su base Wikipedia: L’evoluzione della bandiera norvegese nel tempo (attualmente: bandiera rossa, con una croce blu bordata in bianco che si estende fino ai bordi del vessillo; la parte verticale della croce è spostata verso il lato dell’asta)
7 Giugno 2021
Raffaele Coppola

Cerca nel sito

Questo servizio è offerto dal Centro Studi Araldici.
Questo servizio è offerto dal Centro Studi Araldici.
Come funziona la ricerca?

Siti Collegati

  • Banner del sito di Stemmario Italiano.
  • Banner del sito del Centro Studi Araldici.
  • Banner del sito del Araldica On Line.
  • Banner del sito Creare Stemmi
  • Banner del sito Araldica TV