Ordine Teutonico: Riapertura al culto di Santa Maria d’Alemanna

Il 31 agosto 2020 a Gela in provincia di Caltanissetta una delegazione del Baliato di Santa Maria degli Alemanni – Sicilia ha partecipato con le insegne dell’Ordine Teutonico alla riapertura al culto il Santuario di Maria Santissima d’Alemanna dopo 9 anni di chiusura, di cui è rettore il confratello don Rosario Sciacca FamOT. La solenne celebrazione eucaristica è stata preceduta da una meditazione di musica sacra in onore della B.V. Maria SS.ma d’Alemanna a cura del coro “Laudate Dominum” dell’associazione culturale Bequadro di Bagheria durante la quale è stato presentato l’inno ufficiale del Santuario composto da Salvatore di Blasi.
La Santa Messa è stata officiata dal vescovo di Piazza Armerina, S.E. rev.ma Mons. Rosario Gisana, nella piazza antistante il Santuario con la partecipazione delle autorità civili e militari della città tra cui il sindaco avvocato Lucio Greco ed un grande concorso di popolo festante.
Alle celebrazioni hanno partecipato oltre al Balivo Antonino Sala FamOT, il cancelliere del Baliato Giovanni Condello FamOT, i confratelli Don Pasquale Di Dio FamOT, Michele Cirignotta FamOT, Gualtiero Cataldo FamOT, Salvatore Saglimbene FamOT; i candidati Marcello Cocuccio e Nino Di Mauro.
Al termine del rito sacro il Balivo Antonino Sala FamOT è intervenuto manifestando la gioia di tutto l’Ordine Teutonico per la riapertura dell’antico luogo di culto e per leggere l’importante messaggio del Gran Maestro S.E. P. Frank Bayard inviato per la speciale occasione che ha suggellato il legame tra Gela e Vienna nel nome della Madonna dell’Alemanna.

Questo evento ha assunto un significato importate per i Familiari di Sicilia, sia perché il Baliato, già Commenda autonoma, trae la propria denominazione proprio dalla Madonna degli Alemanni di Gela, sia perché questo luogo santo è storicamente legato fin dal Medioevo alla presenza in Sicilia dell’Ordine Teutonico. Oltretutto la Madonna dell’Alemanna è la patrona della città dal 1450, anno del ritrovamento dell’icona in stile bizantino proprio nel luogo dove fu poi edificato il santuario.
L’icona della Madonna dell’Alemanna, fu portata in città dai Cavalieri dell’Ordine Teutonico secondo la testimonianza dell’abate Rocco Pirri, che furono chiamati nell’isola Alemanni e perciò la chiesa di Santa Maria dei Teutonici fu appellata anche degli alemanni o dell’Alemanna. I racconti popolari, tramandati da generazione in generazioni, parlano del rinvenimento della venerata icona di Maria SS. d’Alemanna in un modo miracoloso intorno al 1476.
Si narra infatti che un contadino mentre arava la terra si accorse che i suoi buoi non proseguivano più; pensando che si trattasse di un ostacolo proveniente da qualche corpo duro sottostante il terreno, il contadino si mise a scavare, fino a quando le sue mani cominciarono a tirar fuori una tavola sulla quale s’intravvedeva una immagine dipinta: era l’effige della Beata Vergine. Nel momento stesso in cui estrasse dal terreno l’intero quadro, il contadino si accorse che i due buoi si erano inginocchiati.

Al termine della cerimonia l’icona della Madonna degli Alemanni è stata intronizzata dal rettore don Rosario Sciacca FamOT nella sua sede all’interno del santuario al di sopra della botola dove fu ritrovata tanti secoli addietro. (Antonino Sala)

.

L'autore

Antonio Sala Presenta il volume da lui curato sull’Ordine Teutonico

30 settembre 2020
Redazione

Cerca nel sito

Calendario Eventi

Ottobre 2020
LMMGVSD
   1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031 
« PrecedenteSuccessivo »
Questo servizio è offerto dal Centro Studi Araldici.
Questo servizio è offerto dal Centro Studi Araldici.
Come funziona la ricerca?

Siti Collegati

  • Banner del sito di Stemmario Italiano.
  • Banner del sito del Centro Studi Araldici.
  • Banner del sito del Araldica On Line.
  • Banner del sito Creare Stemmi
  • Banner del sito Araldica TV