Le porcellane araldiche dei Savoia tornano a Torino

Donato nel 1725 da Augusto il Forte, re di Polonia ed elettore di Sassonia, a Vittorio Amedeo II, da poco re di Sardegna, il servizio, da tè e cioccolata, è personalizzato in ogni suo pezzo dallo stemma sabaudo con le insegne dell’Ordine dell’Annunziata; messo all’asta da un anonimo “membro della reale Casa Savoia” (così indica la descrizione a catalogo, sebbene gli osservatori ritengano possa trattarsi di Simeone di Bulgaria, figlio di Giovanna di Savoia e nipote di Vittorio Emanuele III, che starebbe cercando fondi per proseguire la sua avventura politica nel paese magiaro), Palazzo Madama ha dovuto sborsare 210mila sterline (262.500 con le spese aggiuntive, specifica il quotidiano Repubblica) per aggiudicarsi il servizio e riportarlo a Torino, dove si spera potrà presto essere ammirato anche dal pubblico.

Articoli correlati: Il patrimonio privato di Casa Savoia. Ricostruire una memoria

.

stemma savoia

L’arma della Real Casa di Savoia

23 luglio 2019
Giovanni Moneta

Cerca nel sito

Calendario Eventi

Dicembre 2019
LMMGVSD
      1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     
« PrecedenteSuccessivo »
Questo servizio è offerto dal Centro Studi Araldici.
Questo servizio è offerto dal Centro Studi Araldici.
Come funziona la ricerca?

Siti Collegati

  • Banner del sito di Stemmario Italiano.
  • Banner del sito del Centro Studi Araldici.
  • Banner del sito del Araldica On Line.
  • Banner del sito Creare Stemmi
  • Banner del sito Araldica TV