Casa Mansi. Balli, Serate e Ricevimenti

Sono arrivati sugli scafalli due nuovi volumi proposti unitariamente dal titolo congiunto “Casa Mansi. Balli, Serate e Ricevimenti”, dal titolo che il marchese Raffaello Mansi diede a due quadernetti relativi ai balli, ai ricevimenti e ai concerti tenuti a Palazzo Mansi tra il 1892 e il 1947, oggi gelosamente custoditi da Marcello Salom, discendente da parte di madre dei Mansi.

Le intenzioni dalle quali era mosso il marchese nella redazione dei due quaderni non erano né storicistiche né autobiografiche, scopo del nobiluomo era semmai mettere insieme una serie di regole e norme a cui attenersi per le serate di intrattenimento da organizzare nel palazzo «a San Pellegrino», riservandosi il duplice ruolo di regista invisibile e, più raramente, di padrone di casa, ruolo che svolgerà in maniera inappuntabile.

A cura di Patrizia Giusti Maccari, Rosanna Morozzi – I Diari di Casa Mansi dal 1892 al 1947 – In Casa Mansi e, come è da credere nelle case degli Spada, Minutoli, Orsetti, Mazzarosa, è tutto un susseguirsi di brillanti ricevimenti, dove si affermano, in tempi rapidi e con grande successo, i balli moderni da eseguirsi in coppia, particolare certo non secondario, che decretano il tramonto di quelli antichi, invece figurati. Il Valtzer, o «waltzer», come allora si chiamava e il Boston, quest’ultimo nato nell’omonima città americana, vengono ballati con grande successo e abilità, favoriti dalla diffusione dei manuali da ballo e dalle lezioni tenute dai mastri di danza, impartite anche ai giovanissimi: «Luigi Mansi in età di 7 anni si distinse ottimo ballerino di Boston» annota Raffaello nel 1907, orgoglioso del maggiore dei suoi tre figli maschi.

A cura di Claudio Casini – Il ricettario di Casa Mansi – Alla fine del ’600 matura l’idea di creare un grande edificio di rappresentanza con arredi, suppellettili e decorazioni pittoriche per ospitare principi e re durante le loro visite ufficiali a Lucca, come il principe Guglielmo Filippo di Neuburg, figlio dell’Elettore Palatino (1690), Gian Gastone de’ Medici con Violante di Baviera (1691), Federico IV di Danimarca e Norvegia (1692 e 1706), il re Ferdinando I di Borbone con la consorte Maria Carolina e i granduchi di Toscana Pietro Leopoldo e Maria Luisa (1775). I banchetti avevano luogo nella Sala della musica, sotto gli sguardi degli dei che accolgono Ercole alla loro mensa olimpica, dipinti sul soffitto dal bolognese Giovan Gioseffo Dal Sole. Bacco, la divinità che celebra il piacere della vita, è raffigurato con un calice di vino in mano anche nella cosidetta Sala da pranzo.

A cura di Patrizia Giusti Maccari, Rosanna Morozzi, Claudio Casini 2 tomi indivisibili – I° tomo Raffaello Mansi. I Diari di Casa Mansi dal 1892 al 1947, pp. 176, f.to 17×22, ill. b/n – II° tomo Il ricettario di Casa Mansi, pp. 152, f.to 17×22, ill. b/n – 2019 ISBN 978-88-6550-670-7 € 35,00

Il sito dell’editore Maria Pacini Fazzi Editore

Articoli correlati: Marmi blasonati, conoscere Lucca attraverso stemmi ed emblemi

.

La copertina di uno dei volumi

24 giugno 2019
Redazione

Cerca nel sito

Calendario Eventi

Settembre 2019
LMMGVSD
      1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30      
« PrecedenteSuccessivo »
Questo servizio è offerto dal Centro Studi Araldici.
Questo servizio è offerto dal Centro Studi Araldici.
Come funziona la ricerca?

Siti Collegati

  • Banner del sito di Stemmario Italiano.
  • Banner del sito del Centro Studi Araldici.
  • Banner del sito del Araldica On Line.
  • Banner del sito Creare Stemmi
  • Banner del sito Araldica TV